Aziende Italiane: il primo portale dove promuovere la tua attività sul Web!

la pasta shirataki

E’ il sogno di tutti (non solo italiani!) mangiare pasta in abbondanza senza ingrassare.

Eccoci accontentati: ci pensa la pasta shirataki a sfamare i nostri stomachi, ma senza appesantirci.

E’ di origine giapponese e viene prodotta dalla radice di Konjac (anche chiamata glucomanna) ed è ormai diventato un must per tutti quelli che vogliono perdere peso, senza rinunce.
In Asia è già diffusa capillarmente tra la popolazione che vuole dimagrire, mettersi in forma e vivere a lungo.

Secondo alcuni studi americani questa pasta avrebbe anche come potenziale quello di ridurre le possibilità di contrarre un cancro al colon. Complice di queste potenzialità vi è la composizione della shirataki, completamente naturale e senza nessun tipo di additivo chimico. Anche gli amanti dunque dei cibi naturali e biologici saranno dunque accontentati con questo cibo orientale.
Ma veniamo al dunque.

Perchè questa pasta non fa ingrassare?  Tra le caratteristiche della shirataki vi è infatti la mancanza di carboidrati e la presenza di poche calorie. Inoltre è perfetta anche per i celiaci.

La pasta shirataki è infatti senza glutine e ha come vantaggio il non costare cara come i prodotti per i malati di celiachia.
100 grammi di pasta shirataki contiene circa 10 calorie e con un piatto si riesce ad essere tranquillamente sazi. Ma come lievita così? Merito della fibra vegetale che caratterizza questo cibo asiatico che permette l’incamerazione di una grande quantità di acqua che aumenta anche di conseguenza la massa. Il volume dunque della pasta si raddoppierà. Ricordatelo: quando calerete 50 grammi di pasta vedrete per magia trasformarsi gli stessi in 100, quindi non calate il quantitativo di paste usuale.
La procedura per cucinare questo la shirataki è semplicissimo. Il procedimento è infatti lo stesso della tradizionale pasta italiana. Per questo motivo non avremmo bisogno di dilungarci troppo in dettagli.
Prendete una pentola e riempitela di acqua. L’acqua deve essere abbondante perchè questa pasta ha la caratteristica di assorbirne davvero molta in quanto si scompatterà non appena verrà calata all’interno della pentola.
Immergete il quantitativo di pasta che volete mangiare e aspettate circa 7 minuti. Anche se la lasciate cuocere più del dovuto noterete che in realtà la sua consistenza non cambierà più di tanto. Quindi non preoccupatevi se dimenticate per una volta di inserire il timer. Dopo scolate la shirataki sotto acqua corrente in modo tale da eliminare il sapore dolciastro che caratterizza questa pasta che potrebbe dare fastidio ai palati italiani abituati ad un sapore più salato che zuccherato.
In seguito conditela con un qualsiasi sugo. La shirataki infatti ha la consistenza di una pasta al dente italiana e ben si sposa con qualsiasi tipo di condimento made in Italy.

Se ritenete che la pasta debba essere saltata in padella con il sugo fatelo tranquillamente. In questo modo amalgamerete i sapori perfettamente.
Facciamo ora qualche esempio di ricetta per mostrarvi come questa pasta si sposi benissimo con la cucina mediterranea.
Proviamo a preparate la shirataki con cozze e pomodorini per quattro persone.
Sono necessari: 300 grammi di pasta, 1 kg di cozze, 1 kg di pomodorini freschi, olio, sale, pepe nero, vino bianco e prezzemolo tritato. Pulite attentamente le cozze ripulendole di ogni filamento con una spugna di metallo. Posizionarle in un padella dal bordo alto in modo da poterle facilmente girare, dopo aver fatto soffriggere un pò l’olio e l’aglio.

Coprite il tegame con un coperchio e alzate il fuoco sotto per far aprire le cozze. Dopo 8 minuti versate del vino bianco secco e lasciate aperto il coperchio per far evaporare. Sgusciate le cozze e lasciarne giusta qualcuna come ornamento per il piatto. Aggiungere i pomodorini. Preparate la shirataki come abbiamo descritto precedentemente.

Dopo averla scolata riporla nella pentola delle cozze e girare costantemente in modo che la pasta si insaporisca ben bene. Servitela nei piatti con una spolveratina di pepe nero e di prezzemolo tritato. Il gioco è fatto. Sembra che non ci sia nessuna differenza con la nostra pasta eppure vedrete gli effetti sulla vostra linea e ne sarete compiaciuti.
Buon appetito quindi!